Max Allegri non vuole scherzi domani all’ora di pranzo contro il Bologna

VERSO BOLOGNA -MILAN – Orario nuovo, Milan vecchio. Massimiliano Allegri non vuole sorprese all’ora di pranzo. I rossoneri domani fanno visita al Bologna e per la prima volta scendono in campo alle 12.30. Il tecnico della capolista tiene alta la tensione nello spogliatoio della capolista. «Domani è una partita strana perchè per la prima volta giochiamo alle 12.30, speriamo di arrivare in buone condizioni», dice l’allenatore alla vigilia della sfida. «Ci siamo preparati in questi due giorni per giocare a questo orario insolito per noi che abbiamo giocato sempre di sera e solo una volta alle 15.00», aggiunge. Il calcio d’inizio alle 12.30 è un ritorno al passato: «Si torna a giocare come quando eravamo ragazzini, si giocava alla mattina con i giovanissimi o gli esordienti. Per noi è una cosa nuova. In questi due giorni abbiamo simulato il pre-gara e così abbiamo pranzato alle 9.30», dice Allegri. Tra sveglie all’alba e pasti anticipati si rischia di trascurare l’avversario di turno. Il Bologna, alle prese con una grave crisi societaria, sta ottenendo risultati positivi. «Il Bologna è stato bravo vista la situazione del club, sta facendo ottime cose in campionato. Nei momenti di difficoltà viene fuori il gruppo e i rossoblu sono un buon gruppo, domani sarà una gara difficile e dovremo fare una prestazione di alto livello», dice Allegri. felsinei dipendono dai gol dell«eternò Marco Di Vaio. »È un ottimo giocatore: da qualche anno a questa parte concretizza tutto quello che gli capita tra i piedi. Abbiamo grande attenzione e grande rispetto per il Bologna. Quella di domani, ripeto, sarà una partita in cui il Milan dovrà dimostrare grande identità e buona tecnica come siamo abituati a fare«, ribadisce l’allenatore rossonero. Con l’assenza dell’infortunato Thiago Silva, Allegri punterà probabilmente su Bonera. »In questo momento è favorito, ma non ho ancora scelto e valuterò oggi dopo l’allenamento«, dice il tecnico. Thiago Silva, come Flamini, si è infortunato nell’ininfluente gara di Champions League persa contro l’Ajax. »Non sono pentito per le scelte fatte per la gara di mercoledì. Ho cercato di mandare in campo la migliore formazione per quella partita -chiarisce Allegri-. Durante la stagione capitano gli infortuni, dispiace che ad una settimana dal riposo natalizio abbiamo subito due infortuni, ma vediamo la cosa in modo positivo: mancano due partite importanti, ma poi ci sarà la sosta che ci permetterà di recuperare chi ora è fuori«. Finchè in campo c’è Zlatan Ibrahimovic, poi, si può stare tranquilli: »Ibra è un campione, un accentratore, tutte le grandi squadre hanno giocatori simili nelle qualità e nell’importanza per il gioco. Attorno ha una squadra che gli permette di esprimersi al meglio«. Domani si sfidano Lazio e Juventus, le principali inseguitrici. Il Milan, insomma, potrebbe allungare e andare davvero in fuga. »Il campionato è ancora lungo, sarà importante giocare come abbiamo fatto sino a sabato scorso contro il Brescia -glissa Allegri-. Per lo scudetto ci saranno più avversari, oltre alla Juventus e alla Lazio, torneranno in corsa l’Inter e la Roma e anche il Napoli, di cui nessuno parla, ma che sta facendo bene. Non abbiamo la possibilità di abbassare la tensione«

Fonte: Adkronos