Roma: mozione contro la sperimentazione dei ciclomotori sulle corsie preferenziali

Corsia preferenziale

MOZIONE SPERIMENTAZIONE CICLOMOTORI – A soli tre giorni dall’inizio della sperimentazione dei ciclomotori sulle corsie preferenziali, stamattina si sono vissute ore di incertezza a Roma. Ieri pomeriggio nell’Aula Giulio Cesare, in Campidoglio, è stata presentata una mozione bipartisan per chiedere al sindaco Gianni Alemanno di bloccare la delibera del Comune. Primo firmatario è Maurizio Berruti, del Pdl, ma a lui si sono uniti consiglieri anche del Pd e di Amore per Roma. Sembrava che la mozione fosse stata votata e approvata. Poi, in tarda mattinata, le agenzie hanno battuto la precisazione di Marco Pomarici, presidente dell’Assemblea Capitolina: “Durante la seduta dell’Assemblea Capitolina di giovedì 5 maggio non è stata sottoposta al voto dell’Aula alcuna mozione inerente l’utilizzo delle corsie preferenziali. Il documento in oggetto è stato solamente protocollato dal Segretariato Generale. Rimane prerogativa della presidenza l’ufficialità di informazioni circa l’attività deliberativa dell’Assemblea Capitolina”. In pratica: la mozione c’è, il dissenso per la sperimentazione è bipartisan, ma non è stato votato lo stop.

Resta il fatto che un folto coro di contrari ha chiesto un passo indietro. Un secco no lo avevano già espresso i tassisti e gli autisti degli autobus. Da ieri si sono aggiunti anche politici di tutti gli schieramenti. Antonello Aurigemma, assessore alla Mobilità e ai Trasporti, ha detto che “non ho ancora letto la mozione, ma siamo comunque pronti a recepire eventuali modifiche. Il nostro primo dovere è quello di rispettare la volontà dell’aula consiliare”.

Ieri, nel frattempo, è stata istallata la segnaletica integrata che indica ai centauri le corsie sulle quali è attiva la sperimentazione.

Antonio Scafati