Stati Uniti: visitatore ucciso da un grizzly a Yellowstone

Orso Grizzly
YELLOWSTONE: VISITATORE UCCISO – Ieri, nel Parco nazionale di Yellowstone, un uomo è stato ucciso da un orso grizzly. La vittima stava visitando il parco con la moglie, quando la coppia ha incontrato un grizzly femmina con i suoi cuccioli.

In un comunicato, l’amministrazione del Parco di Yellowstone ha spiegato che probabilmente la coppia di visitatori ha inavvertitamente colto di sorpresa l’orsa che nel tentativo di difendere i suoi piccoli ha attaccato l’uomo, ferendolo a morte. L’assalto dell’orsa grizzly si è verificato lungo il sentiero del lago Wapiti, nello Stato americano del Wyoming. L’uomo è stato soccorso dai rangers del parco, chiamati dagli altri visitatori con i telefoni cellulari dopo aver sentito la moglie urlare e chiedere aiuto.

Le guardie forestali del Parco hanno chiuso temporaneamente il sentiero del lago Wapiti e i vicini siti per i camping, allontanando gli escursionisti che si trovavano ancora nell’area.

L’orsa grizzly non è stata catturata e, sebbene l’amministrazione del Parco di Yellowstone deve ancora valutare le misure da prendere al riguardo, la decisione è quella di non ucciderla, in quanto attaccando l’uomo l’orsa ha agito con un comportamento normale, quello di difendere i propri cuccioli.

L’ultimo caso di orso che ha ucciso un uomo risale al 1986.

Il Parco nazionale di Yellowstone si trova nella parte Nord-occidentale degli Stati Uniti, prevalentemente nello Stato del Wyoming e comprende anche una porzione di territorio degli Stati del Montana e dell’Idaho. E’ il primo parco nazionale al mondo, fondato nel 1872. Dal 1978 è stato dichiarato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

Redazione