Cipro: esplosione di armi e munizioni in base militare, 8 morti e centrale elettrica in fiamme

ESPLOSIONE A CIPRO – Sull’isola di Cipro una violenta esplosione ad un deposito di munizioni, all’interno di una base navale, ha causato almeno otto morti e un numero imprecisato di feriti, come riferito dalla televisione locale “Sigma”. Il boato è stato avvertito nella base navale greco-cipriota denominata “Evangelos Florakis“, situata sulla costa Sud della piccola isola, nei pressi della città di Lacarna. Secondo fonti attendibili sono esplose armi e munizioni che furono sequestrate tre anni fa dalla guardia costiera locale ai danni di un mercantile iraniano diretto in Siria. L’esplosione ha recato ingenti danni anche alla centrale elettrica di Vassilikos, dove si è generato un piccolo incendio che ha provocato un black out elettrico in tutta la zona, causando forti disagi ai molti turisti che già affollano l’isola cipriota. “Ci sono 98 container di polvere da cannone. Due di questi sono in fiamme e ci sono enormi esplosioni“, ha affermato poco fa un portavoce della polizia locale. Al momento le informazioni sulla situazione reale sono ancora provvisorie e incerte.

Redazione