Le banche italiane resistono agli stress test europei

BANCHE ITALIANE RESISTONO A STRESS TEST – Nei giorni scorsi il governatore uscente della Banca d’Italia Mario Draghi aveva mostrato un certo ottimismo in merito alle possibilità dell’Italia di uscire dalla crisi e soprattutto riguardo alla solidità dei nostri istituti finanziari. “Le banche italiane sono solide – aveva spiegato – sono uscite senza danni rilevanti dalla crisi finanziaria, che ha invece scosso grandi istituti esteri”.

Oggi i risultati degli stress test effettuati a livello europeo sembrano confermare le sue parole. Le cinque banche italiane Intesa San Paolo, Unicredit, Banco Popolare, Ubi e Mps, hanno infatti conseguito buoni risultati nelle prove. Fabrizio Saccomanni, direttore generale della Banca d’Italia, spiega che i nostri istituti “superano con ampio margine il valore di riferimento del 5% di Core Tier1 stabilito dallo stress test”, cosa che dimostra “l’adeguatezza della capitalizzazione del sistema bancario nazionale”.

Secondo Saccomanni le banche “hanno margini sufficienti per assorbire ulteriori peggioramenti delle condizioni di mercato grazie alla loro prevalente natura di banche radicate nell’economia reale e sul territorio”.

Redazione online