Il Fmi lancia l’allarme debiti: quelli dell’eurozona mettono a rischio la ripresa

Il direttore del Fmi Christine Lagarde

FMI LANCIA ALLARME PER DEBITI SOVRANI – Il Fmi ha redatto il rapporto per il 2011 relativo alla situazione economica dell’Europa e, secondo quanto ne emerge, la ripresa dalla crisi economica (sia del vecchio continente che del resto del mondo) potrebbe essere messa a rischio dalla situazione dei debiti sovrani. La relazione del Fondo monetario internazionale evidenzia come “il sistema bancario europeo continui a mostrare debolezze” e sottolinea che le banche si trovano esposte “in maniera significativa ai rischi sul fronte del debito sovrano” nei Paesi in maggiore difficoltà, cioè Irlanda, Grecia e Portogallo. “Mentre Grecia, Irlanda e Portogallo – si legge ancora nel documento – sono Paesi piccoli in termini di economia, l’esposizione finanziaria delle banche dei principali Paesi dell’Eurozona verso questi Paesi è grande”.

Il Fmi non esclude, inoltre, la possibilità di contagio anche al di fuori dei Paesi dell’euro. E’ necessario, dunque, adottare “misure immediate per rafforzare il sistema finanziario europeo”. Inoltre “nonostante gli sforzi di aggiustamento e il sostegno da parte degli Stati membri della zona euro e della Bce” nei mercati permane un certo scetticismo sulla possibilità che “una soluzione sostenibile per risolvere la crisi della Grecia e, dunque, per arrestare il rischio contagio agli altri Paesi dell’Eurozona sia a portata di mano”. Il Fondo descrive comunque la ripresa europea come “solida” ma “diseguale” e “complessivamente moderata”.

Redazione online