Benzina: incontro petroliferi al ministero dello Sviluppo economico. Prezzo intorno a 1,62 euro

Pompa di benzina

COSTO BENZINA – In questo periodo c’è crisi sul versante del rifornimento auto. La benzina oscilla in questi giorni tra l’1,58 e l’1,66 euro provocando panico generale, in particolar modo alle famiglie con reddito più basso.
Oggi al ministero dello Sviluppo economico è in atto un vertice con i petrolieri. Secondo quanto reso noto dalla staffetta quotidiana, il prezzo medio della benzina si attesta intorno all’1,62 euro al litro mentre il gasolio all’1,506 euro al litro.

Nessuna variazione è stata inoltre registrata da sabato scorso. Per quanto riguarda le panoramiche a livello regionale i prezzi più bassi sono stati registrati al nord, precisamente in Veneto e in Piemonte, dove il costo è di 1,61 euro al litro per la benzina e di 1,493 euro al litro per il gasolio. i valori più alti sono stati riscontrati invece a Bolzano, città in cui un litro di benzina costa 1,647 euro mentre un litro di diesel viene pagato 1,54 euro.

Intanto rimarranno chiuse in sciopero le stazioni di rifornimento carburante sia di rete ordinaria sia di viabilità autostradale mercoledì 27 e giovedì 28 luglio prossimi. A comunicarlo è il Coordinamento Nazionale Unitario di Faib Confesercenti e Fegica Cisl, affermando che questa decisione è la risposta alla blindatura del Governo all’interno del decreto sulla manovra “di un articolo sulla distribuzione carburanti che nulla ha a che vedere con i conti pubblici o la manovra finanziaria.

Redazione online