Incendio stazione Tiburtina: spunta la possibilità di azione dolosa. Nessuna smentita

Incendio stazione Tiburtina (Roma)

INCENDIO STAZIONE TIBURTINA – L’incendio divampato alle quattro di questa mattina e che ha riguardato la stazione Fs di Roma Tiburtina ha comportato una serie di conseguenze e domande che inevitabilmente sorgono a seguito di accadimenti di tale entità. E’ di pochi minuti fa la notizia che l’iniziale idea che dietro l’incendio possa esserci stata un’azione di carattere doloso non possa essere ritrattata.

Nello specifico le Ferrovie dello stato hanno reso noto che Trenitalia non ha mai smentito l’ipotesi del dolo come causa dell’incendio di Roma Tiburtina“. Tanto che “a differenza di quanto diffuso da alcuni media, il Gruppo FS comunica che nessuna società del Gruppo  è in grado al momento di formulare, smentire o confermare alcuna ipotesi sulla causa dell’incendio”. “Un compito peraltro di pertinenza degli organismi tecnici dei Vigili del Fuoco e degli inquirenti”. Questo quanto è stato possibile apprendere da una nota che specifica i soggetti competenti in tali circostanze.

Intanto l’ad delle Fs, Mauro Moretti ha dichiarato, suggellando l’idea avuta da molti che nei giorni a venire “saranno inevitabili restrizioni al traffico ferroviario con riflessi sui normali servizi ai viaggiatori”.

In merito il sindaco di Roma Gianni Alemanno, ha messo in guardia i cittadini romani circa la pericolosità del fumo che sta uscendo dall’impianto ferroviario: “L’incendio è stato praticamente domato, ma il fumo è ancora molto intenso e non si capisce quanto durerà. Alle persone che abitano nei dintorni della stazione chiediamo di tenere le finestre chiuse e non entrare in contatto con i fumi che possono essere pericolosi”, ha spiegato il primo cittadino romano.

Per quanto riguarda l’accaduto è possibile spiegare solo che un incendio di grande entità è divampato nella sala apparati della stazione di Roma Tiburtina. Gravi i disagi per la circolazione da parte dei treni fin da subito. Anche il sevizio metropolitano della linea B è stato infatti sospeso e sostituito dai Bus.

Luca Bagaglini