Spending review: oggi sciopero delle farmacie, scuola e settore pubblico sul piede di guerra

 

SPENDING REVIEW – Le farmacie oggi chiuderanno i battenti per protestare contro la spending review promossa dal Governo Monti, pur restando aperte le farmacie di turno. L’esecutivo sembra pronto ad aprire ad alcune modifiche sui tagli alla spesa sociale, a patto però che i saldi restino invariati. E l’approdo del provvedimento in aula al Senato slitta al 27.

Annarosa Racca, presidente di Federfarma, al termine dell’incontro di ieri, al dicastero della Salute, con il ministro Renato Balduzzi, ha annunciato che sono a rischio ben 20 mila posti di lavoro, in media un dipendente a farmacia: “Abbiamo parlato di un nuovo percorso di remunerazione delle farmacie”, fa sapere Racca che parla di “un provvedimento davvero insostenibile per tutte le farmacie”. “Ogni provincia – ha dichiarato Racca – sta organizzando autonomamente l’evento. A Milano ci ritroveremo a piazza della Scala, a Roma l’appuntamento è invece per le 15 a piazza SS. Apostoli”. A tenere aperta la serranda saranno solo le farmacie comunali e quelle private di turno.

 

Ma quello delle farmacie non è l’unico fronte caldo in tema di sciopero, dato che anche il settore scuola è in subbuglio ancor prima di cominciare la’nno scolastico: “In queste condizioni il nuovo anno scolastico non potrà avere un avvio regolare” ha infatti ribadito il presidente dell’Unione Province Italiane, Giuseppe Castiglione dopo aver incontrato il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo. “Il ministro – dice Castiglione – ha compreso le nostre reali preoccupazioni, soprattutto per quanto riguarda il taglio dei trasferimenti pari a 500 milioni. Una cifra che aggiunta alle sforbiciate precedenti e a bilanci già approvati diventa un onere insostenibile. Qui non si stanno tagliando sprechi – ha aggiunto il presidente dell’Upi – ma servizi essenziali”.

Sul piede di guerra anche il settore pubblico: Cgil e Uil hanno confermato lo sciopero per il 28 settembre. La Cisl deciderà la prossima settimana.

 

Redazione

 

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan