Nuovo scandalo nella caserma di Salvatore Parolisi: sottufficiale indagato per molestie su soldatessa

 

ASCOLI PICENO – Un altro caso di molestie sessuali sconvolge il 235° Reggimento Addestramento Volontari di Ascoli Piceno, la caserma dove prestava servizio Salvatore Parolisi, il caporalmaggiore condannato per l’omicidio della moglie Melania Rea. A finire nel mirino della magistratura è il sottufficiale Antonio Di Gesù, 38 anni, originario di Nardò (LE): secondo l’accusa avrebbe molestato sessualmente una giovane caporale, minacciandola di rovinarle “la carriera e la vita”.

Secondo quanto si legge nel rinvio a giudizio Di Gesù, incaricato delle mansioni di magazziniere della terza compagnia, avrebbe ordinato alla soldatessa “di seguirla in magazzino” chiedendole insistentemente “se le sarebbe piaciuto essere la prima del corso”. “Nel corso della stessa giornata, una volta nel magazzino con la ragazza mentre lei scendeva dalla scala dove era salita per prelevare del materiale, reggendo la stessa scala” e nonostante “l’invito a spostarsi, le poggiava le mani, a palmi aperti, sulle natiche”.

E di fronte alle rimostranze della giovane, il sottufficiale l’avrebbe minacciata con queste parole: “Qualsiasi cosa farai, sappi che è la tua parola contro la mia. Non ti permettere di dire nulla a nessuno… Se provi a dire qualcosa, io ti rovino la carriera e la vita”. Il processo a carico di Di Gesù si aprirà il 5 febbraio 2013.

 

Redazione

 

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan