Dottoressa uccisa a Bergamo: carabiniere ruba bancomat sul luogo della strage

Auto dei Carabinieri (Getty Images)

Una notizia imbarazzante che suscita sdegno ma anche amarezza: l’Eco di Bergamo ha pubblicato ieri un articolo in cui ha reso noto che, sulla scena della tragica vicenda in cui domenica 8 settembre morirono due persone, la ginecologa Eleonora Cantamessa investita mentre prestava soccorso a Baldev Kumar, accoltellato in una faida tra indiani, un carabiniere ha rubato la borsa di una delle persone rimaste ferite durante la rissa per poi utilizzare il bancomat al videogioco.

Secondo le ricostruzioni fornite dal quotidiano, uno dei carabinieri giunti sul luogo dell’incidente, con due morti a terra, feriti e investitori in fuga, ha prelevato una borsa dall’Audi A2 di Joana Maria Busucic, una barista romena che a sua volta si era fermata per dare una mano nei soccorsi e anche lei rimasta ferita nell’impatto.

A scoprire il furto, sono stati i colleghi del carabiniere del comando di Seriate che hanno riconosciuto dalle immagini di due sale slot di Dalmine il carabiniere che aveva utilizzato il bancomat per giocare alle videolottery. Ora l’agente è stato denunciato per furto e indebito utilizzo di carte di credito.

Intanto, ai genitori e al fratello di Eleonora Cantamessa è stata consegnata una targa “per il gesto eroico compiuto con il sacrificio della propria vita”.
Il presidente del Consiglio regionale della Lombardia Raffaele Cattaneo ha commento che “Eleonora si è dimostrata una buona samaritana cercando senza esitazioni di salvare la vita a una persona”.
“Chiedo che l’esempio di mia figlia non sia dimenticato. Eleonora ha avuto il coraggio di scendere dalla macchina e intervenire proprio per il valore che dava alla vita, abituata a vederla sbocciare nel grembo delle madri. Mi chiedo come mai sia scoppiata quella rissa, vorrei che le risposte le dessero le persone che hanno in mano la nostra società perché io non riesco a trovarle”, ha invece dichiarato Mariella, la madre di Cantamessa.

Redazione