Siria: autobomba fuori da moschea, decine di morti

Macerie in Siria (Pablo Tosco/AFP/Getty Images)

Sarebbero almeno trenta le persone rimaste uccise oggi a Rankus, 30 chilometri a nord di Damasco, dall’esplosione di un’autobomba fuori da una moschea. A denunciarlo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, che anche precisato che l’autovettura è esplosa fuori dalla moschea Jaled bin Walid, nella zona di Sahl. Tra le vittime ci sarebbero molti miliziani ribelli, ma anche una donna e un bambino.

La cittadina, che si trova nella regione siriana di Qalamun, è a maggioranza sunnita ed è in gran parte controllata dalle forze ribelli di opposizione al regime di Bashar al-Assad. In un primo momento, alcune fonti del Comitato generale della rivoluzione siriana avevano parlato di una sessantina di vittime, dato poi ridimensionato, ma ancora ufficioso.

Le organizzazioni ribelli hanno lanciato un appello alla cittadinanza “a evitare assembramenti” perché ci sarebbe la possibilità di nuovi attentati.

Redazione online