Messaggistica su smartphone, boom Telegram dopo il black-out di Whatsapp

    Logo di Telegram
    Logo di Telegram

    La leadership indiscussa nella messaggistica istantanea da parte di Whatsapp rischia di essere messa in discussione? Questo sembrerebbe, visto il boom della “concorrente” russa Telegram, la chat messa a punto dai fondatori del social network Vkontakte, che poche ore dopo il black-out di sabato sera che ha messo k.o. il servizio appena acquistato da Facebook, ha visto crescere in poco tempo i suoi utenti di ben 5 milioni di unità.

    Anche Whatsapp, attraverso uno dei suoi fondatori, Jan Koum, intervenuto ieri al Mobile World Congress di Barcellona, ci tiene a sottolineare che gli utenti del servizio sono comunque aumentati di 15 milioni di unità negli ultimi giorni, ma in casa Telegram l’entusiasmo è massimo: “Ci aspettavamo un milione di nuove registrazioni al giorno: 5 milioni è qualcosa di folle. Francamente, avremmo preferito avere una crescita graduale. Il nostro piano era quello di essere pronti per questo genere di esplosione nel giro di un paio di mesi, non ora”.

    La piattaforma Telegram, lanciata lo scorso agosto per iPhone e a ottobre per Android, pur essendo opera – come Vkontakte – dei fratelli russi Nikolai e Pavel Durov, ha base operativa a Berlino e sta ottenendo giorno per giorno, grazie a una certa garanzia di affidabilità e sicurezza, un successo enorme.

    Redazione online