Camusso insiste: cuneo fiscale a lavoratori e pensionati

Susanna Camusso (Getty Images)
Susanna Camusso (Getty Images)

La leader della Cgil Susanna Camusso è tornata a chiedere al premier Matteo Renzi che le risorse ricavate dal taglio del cuneo fiscale vadano ai lavoratori e ai pensionati. “Se il governo taglia le tasse noi festeggiamo”, ha detto Camusso al Corriere della Sera, precisando: “Quello che chiediamo è che il taglio vada tutto a beneficio dei lavoratori dipendenti e dei pensionati, con le detrazioni. E non venga annullato con interventi sulla spesa sociale. Sotto il governo Letta – ha aggiunto – proclamammo uno sciopero proprio per questo. La mobilitazione è per chiedere lavoro, fine della precarietà, politiche per i giovani e il Paese”.

La leader sindacale ha spiegato che “pensionati e lavoratori sono coloro che hanno dovuto ridurre i consumi. Quindi se vuoi far ripartire la domanda devi cominciare da qui”. “Inoltre – ha sottolineato Camusso -, fin dal governo Prodi, è dimostrato che tagli indiscriminati a favore delle imprese non producono un posto di lavoro in più“.

Susanna Camusso ha poi tenuto a precisare che riguardo ai suoi rapporti con Matteo Renzi non si tratta di una questione di simpatia o antipatia, “il giudizio è sul merito”, ha sottolineato. “Dipende dai contenuti, non da tendenze caratteriali – ha rimarcato Camusso -: non dobbiamo mica fidanzarci…”.

Oggi il premier dovrebbe illustrare, al termine della riunione del Consiglio dei Ministri, gli importanti provvedimenti annunciati su Jobs Act, taglio cuneo fiscale, piano casa e scuola.

Redazione