Di Battista: “Stop agli F35 e usiamo le risorse per salvare i migranti”

Di Battista F35 migranti
Alessandro Di Battista (Facebook)

La ricetta per risolvere il problema dei migranti? Eccola servita da Alessandro Di Battista, parlamentare del Movimento 5 Stelle intervistato da Il Fatto quotidiano: “Ci sono due strategie. La prima è costruire una società che rispetti l’articolo 11 della Costituzione, quindi non provare a risolvere i conflitti internazionali mediante bombe perché questo genera i flussi migratori. La seconda riguarda le emergenza. L’Italia avrebbe la forza, che non ha avuto durante il semestre europeo, di andare alla Ue e minacciare gli altri Paesi dicendo ‘O ci date una mano con una seria redistribuzione oppure noi ce ne andiamo’. Contestualmente bisogna fare chiarezza sui centri che accolgono gli immigrati, perché c’è qualcuno che specula sulla permanenza dei profughi nei centri. Si alimentano cooperative che poi finanziano formazioni politiche come quello del ministro Alfano, che vede nell’immigrazione clandestina una nuova forma di finanziamento pubblico ai partiti”.

Di Battista ha poi confessato di avere “il voltastomaco” di fronte a chi si scandalizza per le morti dei migranti come per esempio il piccolo Aylan e poi “il giorno dopo continua ad armare l’assassino che l’ha ucciso”. Il riferimento è al fatto che l’Italia ha “venduto tante armi negli ultimi 10 anni, anche alla Siria”.

Infine la ricetta per reperire risorse utili per affrontare l’emergenza migranti: “Basterebbe bloccare il programma F35 che potrebbe costare 50 miliardi di euro”. I soldi potrebbero usati per tante cose, dice Di Battista, per salvare vite umane, ma anche per esempio per il reddito di cittadinanza.

F.B.

Leggi anche:

Grillo difende il premier ungherese Orban: “Non è un nazista”

Mattarella: “Chiudere le frontiere non garantisce sicurezza”