Indagava su traffici illeciti, uccisa giornalista di 25 anni

Flor Alba Núñez Vargas (foto dal web)
Flor Alba Núñez Vargas (foto dal web)

“Era una giornalista appassionata, siamo profondamente dispiaciuti e speriamo che questo non rimanga uno dei tanti delitti impuniti”. così un collega ha ricordato la giornalista 25enne Flor Alba Nunez Vargas, uccisa in Colombia, a Pitalito nel dipartimento sud-occidentale di Huila. La giovane e talentuosa giornalista stava entrando al mattino nella sede della stazione radio La Preferida Fm, di cui era direttore e dove conduceva il programma “La Preferida Stereo”.

Secondo i suoi parenti, aveva subito minacce anonime dopo la pubblicazione sulla propria pagina Facebook delle foto di alcuni delinquenti che commettevano una rapina nei pressi del municipio di Pitalito. Tale ipotesi è stata poi confermata da un capo della polizia locale al canale televisivo Caracol. Ma in campo ci sono anche altre due piste: una riguarda la pubblicazione di foto di uomini che trucidavano un cane, l’altra il lavoro svolto da Núñez Vargas in vista delle elezioni locali previste il 25 ottobre.

Il capo della polizia di Huila, Santiago Camelo, ha fatto appello alla comunità locale, spiegando: “Siamo sulle tracce dell’assassino. Non possiamo ancora indicare la causa di questa tragedia”. Nonostante la giovane età, la giornalista aveva lavorato per diverse testate (canale 6, TV5 e Canal Nación TV) e nel frattempo proseguiva i suoi studi in Scienze Sociali. La giovane è la terza giornalista uccisa in Colombia dall’inizio dell’anno.

In precedenza, le altre due vittime erano state il radio giornalista Edgar Quintero, 57 anni, ucciso il 2 marzo a Palmira nel dipartimento sud-occidentale della Valle del Cauca, e Luis Peralta Cuellar, 63enne proprietario di una stazione radio di El Doncello nel dipartimento meridionale di Caquetá, ucciso il 14 febbraio. Entrambi avevano subito minacce.

GM