Il Papa a Cuba, la figlia di Che Guevara non ci sta

Papa Cuba Che Guevara
Una suora attraversa la piazza nella quale si terrà la Messa di Papa Francesco (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

La visita pastorale di Papa Francesco a Cuba non poteva non suscitare oltre al tanto entusiasmo e alla tanta gioia di quasi tutti, anche alcune polemiche. Del resto nonostante le ultime aperture di Raul Castro e il disgelo con gli Stati Uniti (avvenuto anche e soprattutto proprio grazie al Papa) siamo pur sempre in un Paese dalla forte impronta comunista e da una storia nei confronti della Chiesa molto precisa.

Nonostante pochi giorni fa sia stata data la notizia che il Pontefice incontrerà anche Fidel Castro, c’è ancora qualcuno che non digerisce l’arrivo di Bergoglio. Si tratta di Aleida Guevara, figlia del Che, pediatra a La Havana e fervente attivista per i diritti umani. Lei, che chiama zio Fidel Castro, ha annunciato che non sarà in piazza ad ascoltare la messa del Papa: “Il partito comunista cubano chiede ai militanti di andare a messa e di accogliere il Papa, quasi come fosse un dovere del partito. Non sono d’accordo. Lo accogliamo, certamente, come un visitatore, ma di sicuro non andrò alla messa. E lo trovo anche logico: abbiamo libertà di culto e non sono credente, e quindi non vado alla messa”.

La Guevara poi aggiunge alcune motivazioni legate a suo dire alle colpe ataviche della Chiesa cattolica: “E’ in gran parte la responsabile dei problemi che viviamo oggi, a causa dell’oscurantismo, dell’oppressione con la quale è arrivata al nostro popolo. Guardiamo alla storia della nostra America: la Chiesa cattolica è la più grande conquistatrice del nostro popolo”.

La sua resta una delle poche voci discordanti dato che tutti, a partire da Raul Castro, presenzieranno alla messa che si terrà nella piazza della Rivoluzione, luogo simbolo di Cuba, proprio sotto l’effige del Che Guevara.

F.B.