Bmw coinvolta nella truffa delle emissioni, lo scandalo diventa mondiale

Bmw scandalo Volkswagen
(Harold Cunningham/Getty Images)

Si sta allargando a macchia d’olio lo scandalo delle emissioni truccate da parte della Volkswagen. Dapprima sembrava fosse coinvolta soltanto la casa di Wolfsburg e che il problema fosse circoscritto al mercato statunitense. Ben presto si è capito però che la vicenda avrebbe coinvolto anche altri soggetti e altri Paesi. Si tratta di fatto di uno scandalo mondiale che non solo rischia di trascinare nel baratro alcune delle più importanti e famose case automobilistiche, ma potrebbe creare anche seri problemi alle borse mondiali e a tutti i titoli in vario modo collegati al settore auto.

Mentre l’amministratore delegato di Volkswagen se ne va con una clamorosa buonuscita di 60 milioni di euro arrivano due grosse novità nella vicenda:  la prima riguarda sempre l’azienda di Wolfsburg che avrebbe compiuto la propria truffa anche sui veicoli venduti in Europa e la seconda riguarda invece la Bmw che entra anch’essa fragorosamente nello scandalo.

Dall’Unione Europea arrivano voci molto preoccupate sulla situazione. La portavoce della Commissione Ue per il mercato interno, Lucia Caudet, ha detto: “Quello che è veramente necessario ora è avere una fotografia chiara della situazione di quanti veicoli ci sono in Europa con il software ingannevole. Invitiamo tutti gli Stati membri a portare avanti le indagini necessarie”, facendo così capire che siamo solo all’inizio di qualcosa di davvero enorme. Anche perché come dicevamo, secondo indiscrezione della Bild, sarebbero coinvolte anche altre case automobilistiche, in particolare Bmw e Seat. La Bmw ha smentito con un comunicato: “Bmw non manipola i suoi veicoli, non distingue fra strada ed test in laboratorio. Siamo conformi alle esigenze legali in tutti i Paesi e passiamo tutti i test locali”, ma nel frattempo il titolo è crollato in borsa perdendo oltre il 10% a Francoforte e innescando una reazione a catena che ha visto coinvolta anche la Fiat (-7,5%).

F.B.

Leggi anche:

Scandalo Volkswagen: “La Merkel sapeva tutto!”