Abusa in modo terribile della nipote di appena undici anni

Silas Wirth (foto dal web)

Silas Wirth, 38 anni del Texas, è stato arrestato dalla polizia per un reato tremendo commesso nei confronti della nipotina di soli 11 anni. L’uomo avrebbe violentato la piccola congiunta usando sex toys su di lei e costringendola a guardare materiale pornografico. Lo zio avrebbe anche fatto delle docce con la ragazza mentre sua madre era lontana. Secondo quanto viene riportato, il 38enne texano ha prima ammesso le violenze per poi ritrattarle. Secondo il San Antonio Express News Silas Wirth a quel punto ha imputato la colpa di quanto avvenuto alla sua presunta vittima.

La bambina di 11 anni ha dichiarato alla polizia che gli abusi nei suoi confronti sono iniziati circa un anno fa, quando Silas Wirth le ha prima mostrato del materiale pornografico, quindi l’ha violentata. L’uomo invece sostiene che è stata la piccola a provocarlo, fino a fargli compiere un gesto del genere. La piccola però ha dato tutt’altra versione dei fatti, raccontando di quei continui abusi a cui lo zio la sottoponeva, approfittando dei momenti in cui era chiamato a sorvegliare la piccola e a stare con lei, soprattutto, appunto, in assenza della sua mamma. L’uomo, fortunatamente, è stato arrestato e dovrà ora rispondere di quanto commesso davanti ai giudici, ma quelle squallide pratiche sessuali resteranno un ricordo indelebile nella mente della sua nipotina.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM