Ucciso l’eroe che ha tratto in salvo la piccola Wahida dalle macerie

Websource/Time

Il soccorritore Abu Khifa degli elmetti bianchi, altrimenti conosciuti come protezione civile siriana, che lo scorso settembre ha commosso il mondo attraverso un filmato che lo mostra in lacrime mentre porta fuori dalle macerie una bambina di soli quattro mesi(Wahida), è morto oggi durante un attacco alla sede dei soccorritori a Sarmin (Siria).

A confermare l’attacco sono gli stessi elmetti bianchi che in un comunicato ufficiale affermano che 7 dei loro volontari sono stati uccisi da un attentatore non identificato. L’associazione di soccorritori volontari ha anche postato una foto di un muro della sede con sopra il loro logo macchiata di sangue.

La prima a commentare la triste notizia della dipartita dei volontari è l’anchorman veterana del network ‘BBC’ Kate Silverton che in un tweet scrive: “Ho capito che quest’anno aveva avuto persino un bambino (in riferimento al soccorritore che ha salvato la bambina), il mio pensiero va a lui, alla sua famiglia ed ai suoi colleghi#troppo tragico”.

La giornalista era balzata all’onore delle cronache proprio lo scorso settembre: quando è stata mostrata la foto del soccorritore che si commuoveva per aver trovato la bambina viva tra le macerie, la Silverton si era commossa a sua volta scoppiando in lacrime in diretta televisiva. In quella occasione si era scusata con i telespettatori per quella manifestazione di empatia e sincera umanità ed aveva scritto su Twitter: “A tutti coloro che mi hanno scritto mando un ringraziamento. Nel mio lavoro bisogna essere imperscrutabili ed imparziali ma io sono umana#Siria@BBC News”.

F.S.