Problemi ginecologici dopo il parto

EpisiotomiaIl post parto è un momento molto delicato per la madre sia da un punto di vista psichico che fisico: dal peso, agli sbalzi ormonali alle conseguenze ginecologiche che il parto può provocare. Ovviamente ogni donna è diversa e i problemi dell’area genitale possono variare a seconda delle condizioni del pavimento pelvico e dalla qualità dell’ospedale; in alcuni per esempio viene praticata l’ episiotomia (vedi foto), un piccolo intervento chirurgico che si effettua alla fine del periodo espulsivo per agevolare la nascita del bebè. L’esito del taglio dipende da come viene eseguita la sutura; se i due ventri muscolari non si ricostruiscono per piani, ma tutti assieme si ha una maggiore lassità vaginale dopo il parto che causa minore sensibilità nei rapporti e incontinenza dopo il parto.

Le cose peggiorano se c’è un’infezione e la ferita fatica a rimarginarsi; in questo caso è fondamentale l’igiene. Il 25% delle donne poi lamenta un dolore persistente durante i rapporti sessuali del dopo parto causati da secchezza vaginale o alla carenza di estrogeni.

Cosa fare

Durante la gravidanza e nel post parto può essere utile la ginnastica pelvica; soprattutto dopo la nascita la riabilitazione della muscolatura vaginale e perianale consente di soffrire di minor incontinenza urinaria e aiuta a recuperare la sensibilità. Sono utili anche automassaggi per ammorbidire la muscolatura con gel di aliamidi che migliorano l’infiammazione e il processo di cicatrizzazione.

D.ssa Biancamaria Fracas