Calciomercato Juventus, affari in entrata ed uscita: Marotta tra Dzeko, Krasic, Chiellini, Trezeguet…

Milos Krasic

PINZOLO (Trento) – Il ‘sogno’ di Beppe Marotta, direttore generale della Juventus, si chiama Edin Dzeko. Il bomber del Wolfsburg è, vista la nuova norma sugli extracomunitari, il prescelto per occupare la casella libera nello scacchiere dei bianconeri, mentre Krasic è adesso in seconda fila. “Dzeko è uno dei migliori attaccanti del mondo – le parole del dirigente piemontese a ‘Tuttosport’ – e, chiaramente, è un oggetto del desiderio della Juventus. Ma bisogna fare i conti con l’oste. Hoeness? Ci siamo parlati, ma non è che si possa raccontare tutto”. Nella trattativa potrebbero essere inseriti alcuni calciatori (Diego, Sissoko, Poulsen) che sembrano interessate al direttore generale tedesco: “Ci sono alcuni nostri giocatori che possono interessare, il che mi sembra logico. Nel mercato di oggi né la Juventus né altre società possono concedersi follie economiche. Noi stiamo cercando altre strade, come quella antica del baratto…Di sicuro, anche nel caso di Dzeko, agiremo con razionalità”. Ma la trattativa è, comunque, complicata visto che la dirigenza del Wolfsburg ha fatto sapere che non intende accettare contropartite tecniche, ma solo 40 milioni di euro.

CHIELLINI E TREZEGUET – Tiene anche banco in casa Juventus la questione del rinnovo, con adeguamento dell’ingaggio, del contratto di Giorgio Chiellini. “La gratificazione economica non può che andare di pari passo con le linee guida della società. La Juve non parteciperà alla prossima Champions League e dovrà necessariamente tenere d’occhio il bilancio”. Messaggio molto chiaro quello di Marotta: ad obiettivo raggiunto, se ne riparlerà. “Verrà tutto di conseguenza”. Mentre, come spesso accade in questo periodo, David Trezeguet è sul mercato, ma le sue prestazioni stanno facendo cambiare idea al tecnico bianconero: “Può darsi. Siamo in ritiro, Delneri sta valutando chi è idoneo”.

KRASIC E I BRASILIANI – L’esterno destro del Cska Mosca è stato molto vicino alla Juventus, ma la norma sugli extracomunitari ha bloccato la situazione. Ma Krasic rimane un obiettivo bianconero: “Lo è, ma su di lui incombe la legge sugli extracomunitari. Se oggi acquistassi il serbo, mi precluderei la possibilità di prendere Dzeko. Preferisco valutare cosa possono dare Pepe, Martinez e Lanzafame”. Diego, invece, dopo la prima stagione deludente, è chiamato al riscatto: “Delneri ha una sua elasticità tattica. Tocca a lui valorizzare Diego, che certo non possiamo svendere. Possibilità di riconferma? Io dire tante”. L’altro brasiliano è il discusso Felipe Melo, reduce dall’espulsione Mondiale contro l’Olanda che ha creato tante polemiche. Ma Marotta ha le idee chiare sul futuro del giocatore: “Per me la questione è semplicissima. Felipe Melo è un patrimonio economico e umano di questa società. Non possiamo prenderlo e buttarlo in un angolo come fosse un pacco. Bisogna invece capire come farlo crescere. Dobbiamo eliminare certe lacune e per riuscirci sarà fondamentale l’apporto di tutta la squadra”.

I TEMPI – Infine, Marotta ha parlato degli innesti che arriveranno entro fine luglio: “Ora è iniziato il periodo delle amichevoli, poi ci sarà il preliminare di Europa League, intanto il gruppo acquisisce una sua identità. E’ vero che in teoria la finestra del mercato si chiuderà il 31 agosto, ma la mia intenzione è di completare l’organico entro fine luglio”. Mese caldo, dunque, per i tifosi bianconeri che attendono ancora il ‘grande colpo’ del nuovo presidente Andrea Agnelli.

Calciomercato.it