Marte, è nata la prima mappa tridimensionale ad alta risoluzione dela pianeta rosso

E’ ora possibile guardare Marte ed esplorarne la sua superficie con tanto di guide interattive.

Nata dalla collaborazione tra il centro di ricerche Ames della Nasa e quello della Microsoft, la prima mappa tridimensionale di Marte ad alta risoluzione.

Il software che permette tutto questo si chiama WorldWide Telescope ed è stato messo a punto utilizzando 74.000 immagini prese dai satelliti americani della Nasa (Mars Global Surveyor e Mars Reconnaissance Orbiter), dal 1967 al 2006 ma questo non è tutto infatti comprese nel “pacchetto” anche due guide “turistiche” d’eccezione: i ricercatori James Garvin, del Goddard Space Flight Center della Nasa, e Carol Stoker, del centro Ames, con i quali è possibile, per esempio, andare a cercare tracce di una vita passata sul pianeta e scoprire tutto ciò che ha visto finora sul suolo marziano il laboratorio Phoenix della Nasa (Ansa).

Luca Bagaglini