Lea T., la top model trans, posa per Givenchy e si scopre chi è il suo papà: il mitico Toninho Cerezo, ex centrocampista di Roma e Sampdoria

«Secondo te, dove lo passerà il Capodanno Toninho Cerezo?» si chiedeva uno dei protagonisti di Vacanze di Natale, film del 1983. La risposta rimaneva e resta avvolta nel mistero, ma ora l’ex calciatore di Belo Horizonte ha deciso di confessare un altro segreto della sua vita, un segreto che coinvolge la modella Lea T.

Assistente dello stilista di Givenchy Riccardo Tisci, la mannequinn sul passaporto ha un nome da uomo, Leandro. Un dettaglio che ha assunto un certo interesse quando è stata scelta, insieme a Mariacarla Boscono, Malgosia Bela e Joan Smalls, come testimonial dell’ultima campagna della maison transalpina. Con la sua figura androgina, intrigante e piena di fascino, utilizzata per l’autunno/inverno 2011 ma anche per la sfilata parigina dell’Haute Couture, ha suscitato interesse e curiosità tra gli addetti ai lavori e non solo.
Ma ora è diventata anche un nome sui taccuini dei cronisti sportivi, visto che, come ha rivelato un periodico brasiliano Extra, Lea T. altri non è se non il figlio di Cerezo. Il campione, che come Lea ha raccontato a Style.it aveva sempre avuto qualche difficoltà ad accettare la transessualità del “pargolo”, ha lasciato che fosse l’altro figlio, Gustavo, a fare l’ammissione della parentela, ma afferma di sostenere la carriera nella moda di Leandro. Anche perché, maschio o femmina che si senta dentro, la sua scalata al fashion business conferma le doti da campioni della famiglia.

Libero.it