GOVERNO / Berlusconi, in preparazione vertice programmatico

GOVERNO – Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in Sardegna per il Ferragosto, lavora al previsto vertice di venerdi’ 20 agosto a Roma per definire i punti programmatici su cui dovra’ muoversi l’esecutivo, in accordo con una parte almeno dei finiani.

Un programma che potrebbe prevedere il vaglio parlamentare per la verifica dei numeri a sostegno del governo, in assenza dei quali il Pdl si schiera apertamente, cosi’ come la Lega Nord, per un ricorso anticipato alle urne. Il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone, sottolinea: “Se sui 4-5 punti fondamentali del programma non si trova un accordo con i finiani, senza alcun retropensiero da parte loro, non ci sono alternative: andare alle urne. Senza governicchi o pasticcetti di Palazzo”.

Gli fa eco il ministro per l’Attuazione del programma, Gianfranco Rotondi: “Gli italiani sappiano che non e’ un agosto di crisi. Il governo e’ pronto a completare la legislatura e il programma presentato. Se ci saranno defezioni parlamentari, si tornera’ al voto”. Quanto ai punti programmatici, Capezzone a Rtl 102.5 dice: “Il primo e’ l’economia, perche’ lo dico sottovoce e con un pizzico di scaramanzia, ma sta accadendo un piccolo miracolo di ripresa italiana: quest’anno cresceremo fra l’1,2 e l’1,5 e l’anno prossimo forse del 2%. Il secondo e’ la riforma della giustizia per tutti; il terzo il federalismo; il quarto il Mezzogiorno e il quinto, che poi e’ il primo, basta con la vecchia politica delle fibrillazioni. Basta con il virus della lite, che ha gia’ ucciso il centrosinistra. Non capisco perche’ dovremmo farci del male anche noi”.

Agi