CALCIO / Ex presidente Potenza, sequestrato tesoretto a Montecarlo

CALCIO – Un conto corrente intestato a Giuseppe Postiglione, ex presidente del Potenza (squadra retrocessa d’ufficio dalla Prima alla Seconda divisione durante la passata stagione) su cui erano stati versati 412 mila euro – frutto, secondo l’accusa, di scommesse illecite su ”partite combinate” – è stato posto sotto sequestro in una banca del Principato di Monaco. Postiglione fu arrestato il 23 novembre 2009, insieme ad altre otto persone, nell’ambito di un’inchiesta della Direzione antimafia di Potenza su un’associazione per delinquere specializzata nelle scommesse illecite e in altri reati.
L’ex presidente del Potenza fu trasferito agli arresti domiciliari il 15 marzo ed è libero dal 27 maggio scorso. La Guardia di Finanza, durante controlli sui rapporti bancari avviati da Postiglione in diverse zone d’Italia, ha riscontrato ”una movimentazione assolutamente inconsistente ed incompatibile con il profilo imprenditoriale” dell’indagato.
Ciò ha spinto gli investigatori ad estendere le indagini: nel Principato di Monaco, in collaborazione con l’Interpol e l’autorità giudiziaria monegasca, le fiamme gialle hanno trovato il conto corrente ”Palma01”, sul quale periodicamente Postiglione avrebbe versato le vincite delle scommesse illecite, in totale 412 mila euro, fra la fine del 2008 e il novembre del 2009, quando fu arrestato.
Dopo la retrocessione in Seconda divisione, il Potenza non ha ottenuto l’iscrizione al campionato 2010-2011 su decisione degli organi federali e parteciperà al torneo regionale di Eccellenza.

Fonte: Ansa