JUVENTUS / L’angolo del tifoso, bianconeri fermati dalla Sampdoria, ma qualcosa di buono si è visto

JUVENTUS L’ANGOLO DEL TIFOSO –
I bianconeri sono stati fermati dalla Sampdoria di Domenico Di Carlo, dopo che nella prima giornata avevano perso col Bari di Ventura.
Da questa partita però non giungono solo notizie negative. C’è di fatto che qualcosa di già visto l’anno passato persiste.
Per esempio regalare il primo tempo agli avversari. La Juventus non scende in campo , e la Samp ne approfitta solo in parte. Dopo pochi minuti Pozzi si invola solo davanti alla porta, dopo uno svarione di Melo, e tira sul corpo di Storari.
Fino a che ci pensa Claudio Marchisio, sempre lui, a svegliare i suoi. Sponda di Krasic, per il centrocampista che scaraventa un destro alle spalle del povero Curci.
Nel secondo tempo la squadra di Del Neri cambia faccia. Pronti via è Simone Pepe, su cross deviato di Krasic, che porta la Juventus in vantaggio. E’ sempre il serbo che in progressione si divora, poco dopo, il colpo del KO.
Sul più bello, la difesa sbaglia il fuorigioco e Cassano pareggia il conto.
La Juve ci prova ancora, sempre grazie  alle scorribande dei suoi esterni. Ed è da un colpo sempre dell’ex Udinese che, colpendo un palo, permette a Quagliarella di realizzare il tre a due.
Stavolta sembra davvera fatta, ma la Samp prova il tutto per tutto. Di Carlo butta nella mischia Marilungo.
Proprio l’attaccante parte dalla destra, eludendo De Ceglie, la mette in mezzo sulla testa di Pozzi. La punta realizza una doppietta.
A sorpresa quando tutti si preoccupavano dell’attacco, i bianconeri hanno deluso dietro. Motta è stato irriconoscibile, lasciando a Cassano la possibilità di fare il bello e il cattivo tempo. La coppia Chiellini – Bonucci non fa male, ma sente troppo sulle spalle il poco filtro del centrocampo e il pessimo lavoro delle corsie esterne di difesa. Paolo De Ceglie sulla sinistra migliora leggermente rispetto alla scorsa partita, ma risulta comunque ancora non all’altezza.
La squadra però si deve fare, echiunque veda le partite della Juventus se ne sarà reso conto, ma c’è stata un importante evoluzione del gioco. Gli anni passati si aspettava la giocata del singolo, oggi a centrocampo qualcosa invece ha iniziato a funzionare. Krasic e Pepe sono stati i migliori, creando tantissime occasioni per gli attaccanti. Benino Quagliarella, ma male Del Piero che ha bisogno di rifiatare. Questa Juventus ha bisogno assolutamente di Amauri, da Giovedì probabilmente lo riavrà.

Matteo Fantozzi