CHEVROLET ORLANDO / Salone di Parigi 2010, ecco la nuova monovolume americana

CHEVROLET ORLANDO – La Chevrolet Orlando si presenta finalmente in veste definitiva, adatta alla produzione in serie, durante il Salone di Parigi 2010, un evento tanto atteso da molti costruttori che hanno colto l’occasione per lanciare tanti nuovi prodotti per scacciare la crisi. L’Orlando rappresenta una delle chicche del salone pronte a invadere il Vecchio Continente.

L’Orlando rappresenta una sorta di ibrido tra crossover e monovolume che va a colmare il vuoto lasciato dalla vecchia Tacuma, è un’auto a sette posti sviluppata dalla Chevrolet in America sul telaio di base Delta II ovvero lo stesso dell’ultima serie di Opel Astra e Chevrolet Cruze, un pianale completamente nuovo che sarà utilizzato anche dalla futura generazione di Opel Zafira. La principale caratteristica della monovolume Chevrolet è l’estetica delle carrozzeria che lascia perplessi: infatti il design massiccio con tratti spigolosi richiama un po’ i classici minivan americani, il frontale viene dominato dalla calandra sdoppiata con logo Chevrolet incorporato e grandi fanali dai bordi smussati, la coda invece completamente squadrata presenta fanaleria rettangolare. I grandi passaruota in rilievo donano una linea sportiva.

L’abitacolo molto spazioso grazie alla forma della carrozzeria, riesce ad ospitare comodamente sette passeggeri su tre file di sedili, la plancia dal design sportivo riprende elementi dalla Cruze sia come comandi che come impostazione. Il navigatore è in rilievo con un tunnel discendete che ospita i comandi del clima e dell’audio, agli estremi troviamo numerosi vano portaoggetti e le bocchette di diffusione dell’aria per il clima. Anche il quadro strumenti possiede un disegno da berlina sportiva più che da monovolume. Saranno di serie per tutte le versioni l’autoradio con ingressi Aux ed USB a pagamento invece il sistema di navigazione con bluetooth.

La gamma motori sarà composta da tre propulsori di cui uno benzina e due diesel: il benzina è il classico 1.8 16V Ecotec a quattro cilindri erogante 141 cavalli, lo stesso motore equipaggia numerosi modelli Opel come l’Astra e L’Insignia. Il diesel è un 2,0 litri VCDi common rail erogante 131 e 163 cavalli abbinato ad un cambio manuale a sei rapporti. Il motore diesel di origine VM Motori è lo stesso della Cruze. La vendite in Italia della Orlando inizieranno nel 2011, attesa è anche una versione EcoLogic bifuel a benzina e GPL. Curiosamente l’auto non sarà venduta negli Stati Uniti almeno in un primo momento in modo da non togliere spazio alla Chevrolet HHR, una hatchback dalla linea retrò che ha seguito al moda della rivale Chrysler PT Cruiser.

Fonte: Risparmiauto.it