La Juventus risorge e sogna la Champions League

Andrea Barzagli - arrivato a gennaio alla Juventus

JUVENTUS CHAMPIONS LEAGUE –
La Juventus torna di nuovo a dare dimostrazione di essere squadra, giocando ad alto livello e dando una prova di carattere. Segnale lanciato a tutte le squadre che la precedono, la Juventus è viva e non è intenzionata a cedere il passo arrendendosi.

I bianconeri vanno subito in difficoltà contro il Genoa, andando sotto dopo cinque minuti. E’ Leonardo Bonucci, sfortunatamente, a deviare un pallone messo nel mezzo da Antonelli. Confusione e delusione portano a un primo tempo scialbo dove la Juventus non riesce a reagire.

Nella ripresa, grazie al cuore di Simone Pepe, i bianconeri rimangono aggrappati al match e pareggiano i conti proprio con un colpo di testa deviato da Marco Rossi. Proprio nel momento migliore arriva il colpo del ko, che sembra mandare in onda di nuovo un film già visto.

La Juventus però è qui che compie la svolta, mostrando di avere ancora il carattere della vecchia generazione di fenomeni bianconeri.  Ed è proprio un vecchio leone a rendersi protagonista, Luca Toni entra in campo e cambia la partita. Su un cross di Pepe l’attaccante aggiusta il pallone ad Alessandro Matri, che realizza il goal del secondo pareggio.

La partita sembra finire e condurre i bianconeri verso l’ennesimo inutile pareggio, che fa male solo al carattere e al futuro. Invece quando meno te lo aspetti sbuca Luca Toni pronto a vincere la partita con un diagonale degno dei tempi migliori. La Juventus vince e continua a sognare, una Champions League lontana sei punti ma con tre squadre a contendersela oltre lei.

Sul campo i bianconeri riescono a regalare gioie ed emozioni ai tifosi, senza però illudersi di aver raggiunto qualcosa. La Juventus dovrà continuare a lavorare giorno dopo giorno per centrare un obiettivo che fino a due settimane fa era impensabile. Ora la squadra di Delneri ha centrato la terza vittoria di fila, cosa che non accadeva dal 2009, e ha dimostrato di avere ancora carattere per centrare ottimi risultati.

Ora la Juventus va a Firenze, per provare a centrare un altro risultato importante. Si sogna a Torino, ma forse con un carattere come quello di ieri è pure lecito.

Matteo Fantozzi