Guerra in Libia: i ribelli mettono una taglia sulla testa di Gheddafi

Muammar Gheddafi

LIBIA: TAGLIA SU GHEDDAFI – E’ l’ultimo atto del regime di Muammar Gheddafi quello che si sta svolgendo in Libia. A Tripoli continuano gli scontri tra lealisti e ribelli, che nel giro di tre giorni hanno portato alla morte di centinaia di persone, e stando a quanto comunicano testimoni locali la capitale è stata scossa da violente esplosioni, verificatesi nell’area est della città. Mentre il raìs nella notte ha fatto di nuovo sentire la propria voce, esortando i suoi a non mollare (“Vittoria o morte”, ha detto alla radio), gli insorti hanno manifestato l’intenzione di catturare vivo il dittatore.

Ora il Consiglio nazionale transitorio istituito dai rivoltosi ha messo una taglia sulla testa del colonnello, offrendo 1,6 milioni di dollari a chi consegni Gheddafi vivo o morto. Mustafa Abdel Jalil, presidente del Cnt, ha spiegato che chi porterà il raìs davanti ai ribelli potrà godere dell’amnistia.

Redazione online