Vertice tra Berlusconi e Scajola a Palazzo Grazioli. L’ex ministro: “Abbiamo parlato da amici”

Claudio Scajola e Silvio Berlusconi

VERTICE BELRUSCONI SCAJOLA – Il Pdl sta per scoppiare? E’ una domanda che in questi giorni si stanno ponendo in molti. A partire dagli stessi vertici del partito che, pur ostentando sicurezza, qualche timore in realtà ce l’hanno. In questo momento a fare paura c’è Claudio Scajola, che non ha fatto mistero di ritenere auspicabile un passo indietro da parte di Silvio Berlusconi e che ha aggregato attorno a sé una quindicina di parlamentari in vista di un eventuale ‘strappo’. A quanto pare, comunque, la spinta scissionista si sta riducendo: lo stesso Scajola ha scritto una lettera al premier per esporre le sue ragioni e oggi i due si sono incontrati a Palazzo Grazioli per un vertice che si è protratto quasi per tre ore.
Ancora non è dato sapere quale sia l’esito del colloquio. “E’ stata una chiacchierata sincera tra amici“, ha detto l’ex ministro ai giornalisti che, impazienti, chiedevano un suo commento fuori dalla residenza romana del presidente del Consiglio. All’atteso faccia a faccia hanno partecipato anche i due uomini in questo momento più vicini a Berlusconi, il sottosegretaro Gianni Letta e il segretario Pdl Angelino Alfano.

T.D.C.