E’ giallo sul ritrovamento di armi chimiche e nucleari in Libia

Mahmoud Jibril

ARMI CHIMICHE E NUCLEARI LIBIA – In Libia ci sono armi chimiche? Sì, almeno stando a quanto riporta il Telegraph online citando le dichiarazioni del leader del Cnt Mahmud Jibril. Il premier libico ad interim ha precisato che proprio per questo a Tripoli verranno inviati tra qualche giorno alcuni ispettori internazionali. Sulla vicenda però è nato un piccolo giallo, poiché ieri l’emittente televisiva al Arabiya, sempre citando Jibril, aveva parlato del ritrovamento di armi nucleari ma la notizia non era stata confermata da fonti ufficiali.
Inoltre l’Aiea, l’ente internazionale che si occupa dell’energia atomica, fa sapere all’agenzia Ansa di non essere a conoscenza della presenza di armi nucleari in Libia e il segretario Nato Anders Fogh Rasmussen comunica che neanche l’Alleanza Atlantica ha informazioni precise in merito allo “stoccaggio di armi” nel Paese.

Tra poche ore si concluderà la missione della Nato in Libia: non è escluso ed è anzi probabile che i militari dell’Alleanza vengano presto rimpiazzati da quelli di una Forza multinazionale che dovrebbe controllare la situazione sociopolitica evitando degenerazioni violente e caos.

Redazione online