Sylvie Lubamba, intervista esclusiva all’opinionista televisiva: “Il razzismo è tangibile a livello giudiziario, professionale e umano”

INTERVISTA SYLVIE LUBAMBA – Cara Sylvie, lieti di ospitarti su Direttanews.  Nel corso degli anni ti sei affermata come attrice, modella, showgirl ed opinionista televisiva: da quale di queste esperienze professionali ti senti maggiormente rappresentata?

Mi sento rappresentata solo dalle esperienze che ancora non ho fatto. Anch’io come Gozzano amo solo le rose che non colsi.

Sei nata in Italia da genitori congolesi: hai mai visitato il tuo Paese d’origine? Conosci le tradizioni e la cultura del Congo?

Purtroppo no. Sono stata in Congo con i miei genitori molti anni fa a trovare e conoscere i miei nonni, i mei zii, i miei cuginetti… Ero piccola e ho dei ricordi frammentari…

Hai conosciuto il successo su scala nazionale partecipando al programma di Piero Chiambretti “Markette”, in onda su La7: quali pensi siano i motivi che ti hanno portato a farti così tanto apprezzare dal pubblico italiano?

Siete proprio così sicuri che il pubblico italiano mi apprezzi? Sto scherzando ovviamente… La mia personalità racchiude tratti del mio Paese d’origine (solarità,ilarità,intrapredenza), mix che credo abbia ammaliato positivamente gli italiani.

Come è Piero Chiambretti dietro le quinte? Conosciamo il personaggio televisivo, noto e famosissimo, ma si conosce pochissimo di lui fuori dal set..

Pochi sanno che Piero nella realtà è altissimo. Credo superi il metro e novanta, ma si circonda di operatori e direttori della fotografia bravissimi, che sono costretti a trucchi tecnologici ed angoli di ripresa arditissimi, per farlo apparire l’omino che conosciamo. Capriccio inscindibile dal suo personaggio.

Ti sei sempre definita una pantera, ma senza artigli e addomesticabile: spiegaci in modo più approfondito questo tuo concetto….

Perchè spiegare un’ispirazione che brilla come un lampo, perchè laicizzare il profumo di un momento? Quella definizione passava di lì per caso e l’ho colta al volo, tutto qui. Potrei anche dire che sono dolce come una ciliegia di Marostica o pieghevole come una fisarmonica di Castelfidardo.

Anni fa hai partecipato come concorrente del reality show “La Talpa”: se potessi tornare indietro rifaresti questa esperienza televisiva? Che giudizio dai in generale a questo tipo di prodotti televisivi?

Questi prodotti sono seguitissimi e lo saranno sempre più. Sono un investimento soprattutto nell’immaginario collettivo degli adolescenti. Qual è quella crisalide d’oggi che non vorrà librarsi, quale farfalla di domani in un reality? Quale sarà cioè quell’adolescente che non vorrà esibire la propria afasia in questi prodotti televisivi? E Dio, come ben sappiamo, quando vuole rovinare gli uomini, esaudisce i loro desideri.

Quali sono i tuoi progetti lavorativi per i prossimi mesi? Puoi svelarci qualcosa a riguardo?

Guardo in alto, molto in alto, ma non ho perso la testa per un ufficiale dell’aviazione.

Come vedi il tuo futuro (professionale e non) tra dieci anni? Hai ancora sogni nel cassetto e progetti che desideri realizzare?

Certo. Sogno di diventare Primo Ministro. E con i tempi che corrono, penso che a Palazzo Chigi finalmente ci sia posto anche per me.

Una domanda sulla sfera privata che interesserà i tuoi numerosi fan: sei single o fidanzata?

C’è anche una terza via, non ci avete mai pensato? Provate a far galoppare la fantasia e a frugare nelle vostre notti.

Sembra una domanda stupida da fare nel 2011, talmente dovrebbe essere scontata la risposta. In Italia, nei confronti delle persone di colore c’è ancora uno sfondo di razzismo, magari strisciante e non palese? Hai avuto difficoltà di questo genere nella vita privata e professionale?

Il razzismo è presente come una costante sfumatura, è tangibile sia a livello giudiziario,professionale e umano.

Raccontaci qualcosa di inedito su di te che i lettori e fan ancora non sanno….

Forse non tutti sanno che sono una devota di Maria Vergine e sono pronta a prendere i voti!

Simone Ciloni