Real Madrid vs Barcellona, Pep Guardiola: “L’Inter di Mourinho era una squadra grandiosa!”

 

REAL MADRID VS BARCELLONA – In Spagna c’è grande attesa per il Clasico di Liga fra Real Madrid e Barcellona, le due squadre più forte della penisola iberica e, forse, del mondo. Mourinho contro Guardiola, Messi contro Ronaldo, Casillas contro Valdes, con il Real a 37 punti e il Barca a 34: ingredienti che lasciano presagire una incredibile cornice di pubblico, oltre 300 milioni nel mondo sparsi in 50 Paesi, e un grande evento di calcio il cui costo del biglietto vale una fortuna. Per Josè Mourinho si tratta di sfatare anche una tendenza negativa che vede i blaugrana vincitori per ben sette volte negli ultimi undici derby. E forse anche per questo ieri non si è presentato alla consueta conferenza stampa della vigilia, dove ha mandato il suo vice Aitor Karanka. Ma secondo la versione ufficiale Mou avrebbe deciso di non tenere la conferenza stampa perchè irritato dalle critiche di alcuni mass media contro la scelta fatta contro l’Ajax mercoledì sera, quando nella ripresa ha fatto giocare il giovane portoghese Pedro Mendes, solitamente una riserva, ma che fa parte della scuderia del suo agente connazionale Jorge Mendes.

Sull’altra sponda Pep Guardiola sa di partire come sfavorito dai pronostici, ma con una gara perfetta il match può essere vinto: “Per battere questo Real ci serve di fare una partita perfetta. Spero che loro non si chiudano e provino a metterci sotto pressione, ma dobbiamo essere pronti a tutto”. Guardiola assicura che il primo posto in classifica del Real non condizionerà la psicologia della gara e assicura che la sua squadra scenderà al Bernabeu per vincere: “I punti in meno non ci fanno effetto, ciò che conta è conoscere noi stessi, i nostri avversari e cosa hanno fatto ultimamente. Noi siamo indietro perchè abbiamo fatto peggio di loro, dobbiamo quindi trovare la situazione giusta per affrontarli ed anche superarli. Di sicuro c’è che loro scenderanno in campo per vincere, senza fare troppi calcoli, e noi faremo altrettanto”.

Infine Josep riserva una battuta a Mourinho e all’Inter: “Abbiamo giocato contro l’Inter di Mourinho ed era una squadra grandiosa, campione della Champions di nome e di fatto. Josè è un allenatore preparatissimo. In queste sfide ci siamo affrontati sempre con diverse soluzioni tattiche, ed il bello del calcio – ha concluso l’allenatore del Barca – è anche questo cercare le soluzioni giuste”.

 

Luigi Ciamburro