Primarie Usa 2012, Santorum: con l’aiuto di Dio vincerò contro Obama

Rick Santorum

PRIMARIE USA 2012 – Rick Santorum punta lo scontro contro Barack Obama. Il secondo arrivato alle primarie nel “caucus” dei repubblicani nell’Iowa spera nel miracolo e cioè di battere tutti i candidati in corsa, incluso il favorito Romney, e di sfidare l’attuale presidente degli Usa alle presidenziali in programma per novembre 2012 grazie “l’aiuto di Dio“.

Intanto martedì nel New Hampshire, ha auspicato Santorum, “farò un buon risultato (il superfavorito è Mitt Romney), poi vincerò nel Sud Carolina“. “Sono una persona autentica”, ha spiegato il repubblicano ad un meeting sul lago di Amherst. Insomma, l’unico da considerare “un contrasto chiaro” per Obama.

Santorum ha ottenuto il secondo posto nell’Iowa per soli 8 voti di scarto, 30.015 contro 30.007 di Mitt Romney. Terzo con 26.219 voti è arrivato Ron Paul, seguito da Newt Gingrich, 16.251 voti, infine Rick Perry e Michele Bachmann.

Dopo una lunghissima nottata elettorale, Romney, ex governatore del Massachusetts, ha dichiarato: “Vinceremo alla Casa Bianca e rimetteremo l’America in marcia”. In questa prima tornata elettorale delle primarie Romney ha ottenuto il 24,6%, meno di quando nel 2008 ottenne il 25,19% ma fu sconfitto da Mike Huckabee.

La sfida del candidato repubblicano è una corsa a tre fra Mitt Romney, il favorito, Ron Paul, il libertario acclamato dai giovani e Rick Santorum, l’ultraconservatore cattolico che sembra essere la sorpresa di queste votazioni. A cantar vittoria sono soprattutto i sostenitori di Santorum che scandiscono lo slogan in stile obamiano “We can win” e aldilà dell’esito finale considerano quello di Santorum un successo inaspettato e che potrà dare fiducia nel proseguimento delle primarie.

Non si può dire che il presidente Barack Obama sia rimasto seduto in poltrona a guardare, infatti ha cercato di rubare la scena ai repubblicani, rivolgendosi in teleconferenza ai suoi sostenitori in Iowa, dove quattro anni fa cominciò la sua corsa trionfale alla presidenza degli Usa: “Voi avete fatto la differenza… Voi avete fatto sì che questa amministrazione mantenesse le sue promesse… Abbiamo fatto molto, dobbiamo fare molto di più. E per questo abbiamo bisogno di altri quattro anni”, ha concluso Obama.

Luca Bagaglini

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan