Crisi economica: S&P declassa l’Italia in serie B, piena fiducia al governo Monti

 

CRISI ECONOMICA – L’agenzia di rating americana Standard and Poor’s declassa in serie B l’Italia togliendo la A al debito sovrano che passa a BBB+, dopo il precedente taglio deciso a settembre, ma promuove l’operato del premier Monti in questi primi due mesi di governo. Ma ad essere colpita è gran parte dell’Europa, Germania esclusa. S&P toglie la terza A anche alla Francia a 100 giorni dalle elezioni presidenziali, tirando un colpo basso a Nicholas Sarkozy che tenta di minimizzare e prepara le contromosse da mettere sul tavolo al prossimo tavolo europeo, cui sarà obbligatorio trovare una soluzione. 

Ma a preoccupare maggiormente è la situazione italiana che, con il downgrade di ben due gradini, porta il Bel Paese allo stesso livello di Perù, Colombia e Kazakhstan. Il leader del Pd, Pier Luigi Bersani, durante il colloquio con il premier Mario Monti a Palazzo Chigi, punta l’indice contro la Germania e invoca politiche di crescita: “A subire il declassamento sono molti Paesi europei, come la Francia e la stessa Italia, ma ad essere sconfessata è la linea tedesca… Il rating colpisce gli altri ma lo sconfitto è il governo Merkel e la sua linea”.

Il presidente dell’Udc Rocco Buttiglione chiede la costituzione di un’agenzia di rating europea: “Le scelte di S&P di oggi confermano che è giusta la nostra analisi: serve un’agenzia di rating europea. Le agenzie attuali, con tutto il rispetto per la loro professionalità, fanno una loro politica che non è la nostra”, mentre il leader Pier Ferdinando Casini rinnova piena fiducia all’esecutivo tecnico: “Il declassamento dell’Italia non può cambiare la nostra politica. Il Governo sta facendo cose giuste e deve continuare su questa strada. È Monti che governa l’Italia, non le agenzie di rating”.

E mentre il senatore Pdl Raffaele Lauro chiede di riformare “le regole del sistema economico-finanziario mondiale”, Umberto Bossi affonda il coltello nella piaga: “Per fortuna che i professori dovevano risolvere i problemi. L’Italia va in malora”.

 

Luigi Ciamburro

 

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan