Naufragio Costa Concordia: Francesco Schettino consegnò pc al fratello e cellulare a Cristina Porcelli

 

NAUFRAGIO COSTA CONCORDIA – Le condizioni meteo marine restano stabili al largo dell’Isola del Giglio e le operazioni di defueling procedono senza sosta, al ritmo di 10 metri cubi all’ora, così da poter terminare il lavoro entro cinque giorni, secondo quanto riferito dalla società Neri & Smith. Dopo di che resta il problema sul come rimuovere il relitto della Costa Concordia ed entro il 3 marzo la società dovrà “dare una valutazione sulle soluzioni per la rimozione dello scafo”, come annunciato ieri alla Camera dal ministro dell’Ambiente Corrado Clini. Costa Crociere ha costituito un comitato tecnico formato da rappresentanti di Fincantieri, del gruppo Rina, della società Carnival Group e due docenti di fisica per scegliere il miglior progetto di rimozione che verrà presentato da dieci diverse aziende specializzate nel settore.

Intanto ad oltre un mese di distanza dalla tragedia del Giglio la moglie del comandante Francesco Schettino, Fabiola Russo, ha deciso di scrivere una lettera ai familiari delle vittime e autorizzato il programma ‘Matrix’ a diffonderla: “Apro il mio cuore a quanti versano lacrime per la perdita dei loro cari – si legge nell’epistola diffusa su Canale 5-. Il dolore degli altri ci appartiene sempre, in ogni caso. Non occorre essere campioni di sensibilità per rimanere colpiti e affranti. Penoso stato, il mio, che si aggiunge alla sofferenza personale, quella più intima e gelida, che pesa come marmo che schiaccia”. Ma resta il mistero sul computer di Schettino, in parte svelato dall’edizione delle 20 del Tg5 andato in onda ieri sera, secondo cui il portatile di colore bianco fu consegnato a suo fratello, Salvatore Schettino, poco prima dell’arresto. Invece il cellulare di servizio del comandante venne affidato nelle mani della misteriosa donna bionda di cui tanto si è parlato a proposito del pc, il legale di Costa Crociere Cristina Porcelli, comparsa d’improvviso al Giglio il mattino seguente al naufragio. Si attendono ulteriori sviluppi.

 

Luigi Ciamburro