Portogallo: nuova tranche di aiuti da parte della troika

Il premier portoghese Pedro Passos Coelho (getty images)

PORTOGALLO APPROVA NUOVO PIANO TROIKA – Il Portogallo sta vivendo da qualche settimana un periodo di relativa tranquillità, ma, fino a qualche tempo fa il suo mercato interno era soggetto a saliscendi che avevano spinto la troika ad agire per un risanamento. Il Portogallo, così come gli altri paesi cosiddetti P.I.G.S. , acronimo con cui si indicano i Paesi dell’Eurozona che stanno vivendo una più marcata crisi economica e che comprende, oltre al Portogallo, l’Italia, la Spagna, la Grecia e l’Irlanda, si è trovato a dover varare una serie di riforme strutturali per poter ricevere gli aiuti dalle istituzioni bancarie europee ed internazionali.

Oggi il governo portoghese guidato da Pedro Passos Coelho ha accolto come regolamentazione interna il nuovo esame che la troika aveva fatto in relazione alle sue finanze. I tecnici di Fondo Monetario Internazionale e Banca Centrale Europea, gli stessi che hanno concesso al Portogallo un riscatto finanziario pari a 78.000 milioni di euro, hanno infatti da poco fatto una nuova valutazione trimestrale sul compimento del programma di riforme connesso al varo dei finanziamenti. Con il nuovo ciclo di riforme e aiuti il paese della penisola Iberica potrebbe ricevere ulteriori 4.000 milioni di euro.

Nel frattempo sembra che la severità dei tagli che il programma di austerity ha comportato nel Paese, abbia reso sempre più affannosa la vita del cittadino medio portoghese, ma non sembra sgretolarsi il consenso politico che i partiti di governo e parlamentari hanno da parte della popolazione e il livello di conflittualità sociale si mantiene ancora su livelli bassi.

Il Portogallo ha voluto agire diversamente rispetto alla Grecia, Paese la cui situazione era inizialmente paragonabile a quella dello stato lusitano. Le obbligazioni portoghesi a dieci anni, quelle che fungono da riferimento per le analisi di mercato, sono intorno al 12%, un valore ancora molto alto, ma stabile da febbraio.

 

Redazione online