La pianta dell’Acerola, antiossidante e vitamina C

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:03
Pianta di Acerola

L’arma vincente dell’acerola è l’alto contenuto di vitamina C, addirittura superiore alle arance ed ai kiwi, frutti molto più popolari.
La pianta deriva dalle zone tropicali e caraibiche, viene messa a coltura anche in luoghi con temperature miti e dà frutti che ricordano le ciliegie.

La vitamina C è molto importante per il suo effetto antiossidante, per la formazione del collagene e quindi per l’elasticità della pelle e la prevenzione delle rughe, ha un ruolo cicatrizzante e facilita l’assimilazione del ferro. L’arbusto contiene anche vitamina A, del gruppo B, fosforo, calcio e ferro.

L’acerola è ottima per i malanni tipici della stagione invernale, potenzia le difese immunitarie, inibisce la fragilità capillare, regola il colesterolo, ed è utile anche in caso di osteoporosi.

In cucina viene utilizzata per la preparazione di bibite, gelati e yogurt, la sua corteccia trova impiego nell’industria manufatturiera per la realizzazione del cuoio.
Pur essendo una sostanza naturale, l’uso di integratori di acerola vanno pianificati con il proprio medico curante in caso di gastrite e calcoli renali.

 

Marco Galluzzi