Tentativi di rapimento nel sud della Norvegia: la polizia indaga

NORVEGIA: RAPIMENTI – Episodi forse correlati, ma a oggi ancora indecifrabili. È quanto sta accadendo in Norvegia, a nord della capitale Oslo, dove da qualche settimana si susseguono tentativi di rapimento ai danni di adolescenti. Fortunatamente fino a oggi sono andati tutti a vuoto, ma l’inquietudine nelle comunità locali sta crescendo. Le indagini della polizia non hanno ancora portato a nulla, tanto che è stato diramato un avvertimento rivolto ai bambini e agli adolescenti: non andare in giro da soli, neppure in pieno giorno.

Tutto comincia a metà settembre. Siamo nei pressi dei piccoli comuni di Eidsvoll e Bruvoll, una quarantina di chilometri a nord di Oslo. Nel giro di pochi giorni un paio di adolescenti sono vittime di tentativi di rapimento. Dinamiche molto simili in entrambi i casi: i ragazzi a piedi lungo la strada, un’auto che si avvicina, la portiera che si apre all’improvviso, mani adulte che cercano di afferrare le vittime, gli adolescenti che riescono a divincolarsi e a fuggire.
Di avvenimenti simili se ne sono aggiunti altri. L’elenco per ora conta una decina di episodi. Gli ultimi nei giorni scorsi. Nel pomeriggio di domenica una ragazza di quindici anni ha rischiato di essere rapita da due uomini, uno con la barba, l’altro ben rasato. Lunedì sera, invece, un uomo avrebbe tentato di portar via tre bambini che stavano giocando a pallone per strada.
Le ricostruzioni delle vittime sono discordi quando si tratta di indicare il colore dell’auto (in alcuni casi si parla di un furgone), meno dubbi sull’identikit degli assalitori: sui 30-40 anni, europei. Poco altro. Un uomo sarebbe stato fermato lunedì: dopo l’interrogatorio, però, è stato subito rilasciato. E così la polizia deve ancora riuscire a risolvere questo mistero. Nel frattempo rimane valido l’invito rivolto agli adolescenti: evitate di andare in giro da soli.

Antonio Scafati

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan