Indagata per truffa aggravata la segretaria di Pier Luigi Bersani

Pier Luigi Bersani (Getty Images)

INDAGATA SEGRETARIA BERSANI – La segretaria del leader del Pd Pier Luigi Bersani, Zoia Veronesi, è stata indagata dalla Procura di Bologna per truffa aggravata ai danni dell’Emilia Romagna.

La donna è coinvolta nell’ambito dell’inchiesta che partì nel 2010 da un esposto del deputato di Futuro e Libertà, Enzo Raisi, il quale denunciava la creazione di un apposito incarico per la Veronesi da parte della Regione Emilia Romagna, per cui lavorava, in modo da poter seguire Bersani anche a Roma. Zoia Veronesi è infatti la segretaria storica del leader del Pd.

La donna, nei giorni scorsi, ha ricevuto un avviso di garanzia da parte del pm di Bologna Giuseppe Di Giorgio, che l’ha invitata a comparire per l’interrogatorio.

Zoia Veronesi, dipendente della Regione Emilia-Romagna, venne distaccata da viale Aldo Moro, a Roma, per intrattenere rapporti con il Parlamento. Dalle indagini della Guardia di Finanza non è tuttavia risultata alcuna attività che la donna avrebbe svolto per conto della Regione, tra il 2008 e il 2009. Pertanto, stando all’accusa, Veronesi avrebbe percepito indebitamente soldi dall’Emilia Romagna per circa un anno e mezzo.

In seguito all’apertura dell’inchiesta, nel 2010, Zoia Veronesi si licenziò dal suo impiego in Regione e venne assunta dal Pd a Roma.

Redazione

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan