Mario Monti: sistema sanitario a rischio. L’ira di Bersani e Di Pietro, ma ministro Balduzzi assicura: no alla privatizzazione

Mario Monti (getty images)

 

 

SERVIZIO SANITARIO – Ieri il presidente del Consiglio Mario Monti è intervenuto in videoconferenza con Palermo durante l’inaugurazione di un centro biomedico della fondazione Ri.Med. In tale occasione una sua dichiarazione non ha mancato di suscitare polemiche: “Il nostro Sistema sanitario nazionale, di cui andiamo fieri, potrebbe non essere garantito se non si individuano nuove modalità di finanziamento”, ha detto il premier che ha poi voluto spiegarne le motivazioni: “Il momento è difficile. La crisi ha colpito tutti e ha impartito lezioni a tutti. E il comparto medico non è stato esente né immune”.

Dura la risposta di Pier Luigi Bersani: “Davanti ai problemi come la salute, non ci sono nè povero, nè ricco. Perchè se arriviamo a un punto con due sanità, quella di chi ha di più e quella di chi ha di meno, siamo al disastro sociale, non solo economico”. Ancora più aspre le affermazioni di Antonio Di Pietro: “E’ gravissimo che il presidente del Consiglio paventi il rischio del crollo del Sistema Sanitario Nazionale. Il governo reperisca le risorse necessarie dalla lotta all’evasione e alla corruzione – ha sottolineato il leader di Idv dalle pagine del suo blog – e la smetta di smantellare un caposaldo della nostra Carta Costituzionale che garantisce il diritto alla salute a tutti i cittadini. La sanità pubblica non si tocca! Gli italiani onesti e le fasce sociali più deboli hanno già pagato troppo. Questo governo sta lentamente smantellando lo stato sociale, azzerando diritti acquisiti con anni di battaglie portate avanti da cittadini e lavoratori”.

 

Ma dopo le polemiche palazzo Chigi ha corretto il tiro facendo chiarezza sulle dichiarazioni di Mario Monti: “Le garanzie di sostenibilità del Ssn non vengono meno. Per il futuro è però necessario individuare e rendere operativi modelli innovativi di finanziamento e organizzazione dei servizi e delle prestazioni sanitarie”. E il ministro Balduzzi, in un’intervista all’Ansa, ha precisato: “Nessuno pensa alla privatizzazione del Servizio sanitario nazionale”.

 

Redazione

 

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan