Strage negli Usa, Barack Obama a Newton: “Queste tragedie devono cessare, ora dobbiamo cambiare”

Il presidente Usa Barack Obama (Photo BRENDAN SMIALOWSKI/AFP/GettyImages)

Nell’affollatissimo auditorium di un liceo di Newton, città teatro della strage in una scuola elementare, il presidente Barack Obama ha partecipato con un intervento alla veglia per commemorare le 26 vittime, di cui 20 bambini di età compresa tra i 5 e i 10 anni. L’inquilino della Casa Bianca ha promesso che userà tutti i poteri del suo ufficio per far sì che tali episodi non si ripetano più ed evitare che diventino eventi di routine.

“Siamo riunti qui in memoria di venti bambini bellissimi e cinque adulti straordinari. Potrebbero essere i figli di qualsiasi città americana – ha affermato Obama -. Sono qui per offrirvi le preghiere dell’intera nazione. So che le parole non curano le ferite della vostra anima. Sappiate che non siete soli anche il nostro mondo è stato lacerato, abbiamo stretto forte i nostri figli. Qualsiasi cosa possiamo fare lo faremo – ha promesso -, per alleggerire questo fardello così pesante”.

Il presidente americano ha ricordato che si tratta della quarta strage cui assiste da presidente e non ha mancato di fare autocritica: “Noi come nazione, siamo lasciati di fronte a questioni difficili. Possiamo dire di fare abbastanza per tenere i nostri figli al sicuro? Possiamo sostenere che tutti insieme stiamo facendo quello che dobbiamo per garantire ai bambini? No!”. E ha sentenziato: “Queste tragedie devono cessare. E perché cessino ora dobbiamo cambiare. Nessuna legge può eliminare il male dalla società – ha sottolineato il presidente americano -, ma questa non può essere una scusa per l’inazione. Se ci fosse un atto che può salvare una sola vita di un bambino, a Newtown o a Columbine, abbiamo l’obbligo di provarci”.

Infine un accenno alle Sacre Scritture per concludere il suo discorso: “Lasciate che i bambini vengano a me, perché è loro il regno dei cieli, disse Gesù. Questi bambini (e li cita uno per uno, commuovendosi nel leggere i nomi delle vittime) Dio li ha richiamati a sé, che ci renda degni della loro memoria”.

 

Redazione

 

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan