Salento: in fiamme circolo dell’Idv dedicato alla memoria di Peppino Basile

Il leader dell'Idv Antonio Di Pietro (Getty Images)

Il coordinatore provinciale di Lecce dell’Idv, Francesco D’Agata, ha reso noto che alcuni soggetti non identificato hanno dato alle fiamme, tra sabato e domenica, la sede del circolo cittadino del movimento guidato da Antonio Di Pietro a Ugento, piccolo centro del sud-est salentino.

D’Agata ha denunciato: “La cosa che piu’ ha sconvolto i presenti al di là dell’atto comunque gravissimo, è stata la distruzione di documenti inerenti l’attività politica del circolo, protagonista nell’ultima settimana, precisamente nel consiglio comunale di martedì 18 dicembre e nell’incontro aperto con i cittadini il giovedì successivo ad Ugento, oltre che di una serie di denunce pubbliche inerenti al sistema a dir poco fumoso del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti“.

Il circolo di Ugento è dedicato al consigliere comunale dell’Idv Peppino Basile, assassinato proprio nel piccolo centro nel giugno del 2008, in un agguato i cui contorni sono ancora oggi poco chiari. Per la vicenda sono finiti sotto processo, con l’accusa di omicidio, due vicini di casa, nonno e nipote, accusati di aver aggredito l’uomo nel cuore della notte. Nonostante gli inquirenti siano convinti che l’omicidio sia legato a questioni personali, amici e colleghi di partito di Peppino Basile non hanno mai smesso di cercare altrove la verità sulla sua morte, che ritengono legata alle battaglie politiche e ambientali del consigliere comunale.

Non è il primo atto intimidatorio contro partiti ed esponenti politici locali: tempo fa un altro iscritto all’Idv ugentino, Simone Colitti, si ritrovo il parabrezza dell’auto sfondato da un sasso di 17 chili. L’autore del gesto aveva in precedenza dato alle fiamme la casa di un imprenditore, reo di aver denunciato lo smaltimento di rifiuti illegali. Lo scorso anno, poi, ignoti avevano devastato la sede locale del Partito dei Comunisti Italiani.

 

Redazione online