Pdl: verso la candidatura di Nicola Cosentino al Senato

Nicola Cosentino (Foto: ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Il Pdl si appresta a dare il via libera alla candidatura di Nicola Cosentino al Senato, (già deputato alla Camera), nonostante sia imputato in due processi in Campania per il presunto utilizzo di capitali del clan dei Casalesi per la costruzione di un centro commerciale nella provincia di Caserta. Nitto Palma, commissario campano ed ex Ministro della Giustizia del Governo Berlusconi, ha il compito di analizzare la situazione e di fornire a Roma le proposte per le liste entro 2-3 giorni. Il magistrato ha affermato di “aver letto le carte” e che contro Cosentino “vi è un impianto accusatorio non accettabile”. Inoltre, ha aggiunto: “Su Cosentino ripeto quanto ho detto, la stessa cosa dichiarata dal presidente Berlusconi a Porta a Porta e Servizio pubblico. Valuteremo caso per caso le singole posizioni degli inquisiti. Se leggendo le carte troveremo elementi di sostegno alla pubblica accusa, assumeremo le determinazioni conseguenti. Se non troveremo elementi di supporto assumeremo la relativa decisione assumendocene le responsabilità”, riporta il quotidiano online “Lettera 43”.

Soffermatosi sulle accuse di associazione camorristica rivolte a Cosentino, l’ex guardasigilli ha precisato: “Mi permetto di ricordare che il processo a Santa Maria Capua Vetere è pendente da circa due anni. Per la mia esperienza di magistrato un processo verso una sola persona non può durare tanto se vi è solido impianto accusatorio. Ricordo a tutti, per quello che vale, che chi sostenne la pubblica accusa in quel processo, se non ricordo male, ha poi ricoperto il ruolo di assessore nella giunta de Magistris”.

Redazione

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan