Corona dal carcere lancia la campagna “To be free”

Fabrizio Corona (getty images)

Fabrizio Corona dal carcere di Busto Arsizio, dove è stato internato dopo la condanna per truffa ai danni del calciatore David Trezeguet, si erge a paladino dei diritti dei detenuti e lancia l’ennesima campagna pubblicitaria. Il paparazzo, condannato a cinque anni di detenzione, ha riproposto ancora una volta il suo brand ed ha avviato, utilizzando il suo portale web, un nuovo business. La proposta di Corona, uscita oggi, è quella di acquistare delle magliette con su scritto “To be free” e corredate dall’immagine di una farfallina simile a quella del controverso tatuaggio inguinale di Belen Rodriguez. Chi acquisterà il pezzo alla cifra di 25 euro, secondo quanto detto sul portale di Corona, contribuirà ad una ipotetica campagna per i diritti dei detenuti per cinque euro della spesa.

Il lancio fatto dal fotografo oggi vuole apparire come atto di denuncia, data anche la scritta che accompagna la pubblicità: “Assassini, delinquenti, stupratori sono a piede libero, io vado in carcere per tre fotografie. I miei diritti sono stati calpestati”. Ma sarà questo o l’ennesima trovata per far cassa?

 

Redazione online