Bersani attacca Monti: “Ognuno pensi alla propria coalizione”

Pier Luigi Bersani e Mario Monti (Getty Images)

Continua il tira e molla mediatico tra il candidato del centrosinistra alla premiership, Pier Luigi Bersani, e il premier uscente, Mario Monti, fatto di continue aperture e chiusure su entrambi i fronti. Il segretario del Pd ha oggi avvertito il leader della coalizione centrista: “Il mio polo è il mio polo e che nessuno lo tocchi. A partire da lì sono pronto a discutere”.

“Noi abbiamo una parola sola, gli altri ne prendano atto” – ha detto Bersani, ospite ai microfoni di Radio Capital al giornalista che gli chiedeva chiarimenti sulla compatibilità tra Monti e Vendola – “È scritto nella nostra carta di intenti: c’è disponibilità a discutere con tutte le forze non leghiste, berlusconiane o populiste». Poi la stoccata sulla tenuta del proprio polo: “Ognuno pensi ai poli suoi. Monti pensi alla sua coalizione. Ancora non ho visto la sua foto con Fini e Casini. Anche per il centrodestra ci vorrebbe una bella foto di gruppo con Berlusconi, Maroni, Storace. E poi non ho capito ancora chi fa il premier lì in mezzo”

Bersani si è detto poi sicuro di vincere le prossime elezioni: “Gli italiani chiederanno un cambiamento e vedrete che le cose prenderanno una direzione di marcia. Chi vince è primo alla Camera e al Senato”.

 

Redazione online