Ecco la fumata bianca: Habemus Papam!

La fumata bianca (Getty Images)

E’ stato eletto pochi istanti fa il successore di Papa Benedetto XVI. Ad annunciarlo, la tradizionale fumata bianca del comignolo posto sul tetto della Cappella Sistina. Si attende ora l’annuncio alla folla in trepidante e festante attesa in Piazza San Pietro, fatto dal Cardinale protodiacono Jean-Louis Pierre Tauran, attuale presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Inter-Religioso.

La fumata bianca, che indica l’elezione papale, si produce bruciando le schede insieme a paglia umida o a una particolare sostanza chimica. Il neo-eletto Papa, secondo il rituale, si è ritirato nella “stanza delle lacrime”, ovvero nella sacrestia della Cappella Sistina, per indossare per la prima volta i paramenti papali con i quali si presenterà in pubblico dalla Loggia delle benedizioni della basilica di San Pietro. La “stanza delle lacrime” è così definita perché si da per scontato che dopo l’elezione, il nuovo Papa debba commuoversi.

 

Redazione online