Val di Susa: al via la marcia No Tav. Presenti anche i grillini

Una dimostrazione No Tav (Getty Images)

E’ oggi la giornata della manifestazione contro l’alta velocità in Val di Susa e, come pronosticato, si sono presentati al corteo che si dipana da Susa a Bussoleno anche i parlamentari grillini. L’intento dei comitati No Tav è quello di riproporre la marcia di protesta che lo scorso anno in questo stesso periodo vide scendere in strada tantissimi cittadini del territorio e tantissimi italiani, in tutto circa 20.000, giunti in Piemonte appositamente per l’evento.

Ma la manifestazione, almeno a livello mediatico, ha assunto una rilevanza nuova per la presenza dei neoeletti deputati senatori del Movimento 5 Stelle, primi parlamentari a partecipare in massa ad un atto di protesta contro la costruzione della Torino – Lione. Anche Sel, tra i gruppi politici in Parlamento, sta partecipando all’evento.

Vito Crimi, capogruppo del M5S al Senato, finito nel mirino della stampa in questi ultimi giorni per le controverse affermazioni fatte dopo l’incontro con Giorgio Napolitano, ha rilasciato alcune dichiarazioni in relazione alla posizione del suo gruppo sulla questione della Tav. “La Torino-Lione è una delle nostre battaglie principali”, ha detto Crimi, il quale ha subito espresso la volontà dei grillini di proporre in Parlamento l’istituzione di una commissione d’inchiesta che indaghi sugli abusi del cantiere della Tav.

“Abbiamo un po’ di tempo per ragionarci. Siamo venuti qui per capire lo status del cantiere e come possiamo agire”, ha poi continuato il capogruppo, riferendosi alla visita che i parlamentari faranno all’interno del cantiere, il quale, interdetto al resto dei manifestanti, sarà aperto per i politici.

 

Redazione online