Consiglio Europeo, il discorso del presidente Van Rompuy inaugura il vertice

Herman Van Rompuy (GEORGES GOBET/AFP/Getty Images)

Si è aperto con il discorso introduttivo del presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, il vertice che ha al centro del dibattito soluzioni rispetto alla disoccupazione giovanile. Ha sostenuto Van Rompuy in apertura: “Siamo qui per combattere l’emergenza lavoro giovani, anche con le parti sociali, per questo siamo tutti allo stesso tavolo per trovare trovare insieme una soluzione ad un problema che preoccupa tutta l’Europa”.

Van Rompuy ha poi proseguito ricordando che il Consiglio Europeo intende “riunire le iniziative dei singoli Paesi” e metterle insieme “con tutti gli attori coinvolti. Non solo gli Stati membri, ma anche i
dirigenti d’azienda e i dipendenti dei settori pubblico e privato. Per questo sono felice che siamo tutti seduti intorno allo stesso tavolo ora”.

Ha detto ancora Van Rompuy: “Abbiamo bisogno di portare ossigeno in profondità nel nostro sistema”. Ha sottolineato il presidente del Consiglio che “sono molte le cose da fare”, ma la crisi delle piccole e medie imprese e la disoccupazione giovanile sono “questioni gravi e pressanti”. Ha precisato Van Rompuy che gli stati europei sono insieme anche “per trovare soluzioni al credit crunch” che sta rendendo difficile il ritorno alla crescita delle Pmi”.

I lavori del Consiglio Europeo sono iniziati poco fa con oltre un’ora di ritardo rispetto a quanto stabilito in quanto prima ci sono stati una serie di incontri bilaterali che si sono prolungati molto più in là rispetto a quanto previsto inizialmentente.

Nel frattempo il presidente del Consiglio Enrico Letta ha affermato attraverso Twitter: “Il Consiglio Ue inizia ascoltando parti sociali Ue. Ottimo che 2 di 4 siano Valeria Ronzitti ed Emma Marcegaglia, italiane, giovani e donne. Brave”.

Redazione online